Questi ultimi giorni qui in Himalaya non sono stati facili. Le ultime notti sono stato sveglio. La morte di Sergi Mingote è stata una doccia fredda, una notizia terribile che non ci aspettavamo affatto. Il solo mettermi nei panni di Tamara Lunger o della sua famiglia … mi fa venire la pelle d’oca. Mando loro forza e un grande abbraccio. Spero che trovino conforto in questi duri momenti.

È vero che chi di noi si dedica a questo e non è qui da 4 giorni capisce che corriamo tanti rischi, che scalare questo tipo di montagne non è un letto di rose. Ma non si è mai pronti a ricevere questo tipo di “colpo”. È tremendamente difficile vedere qualcuno che se ne va così giovane e a causa di uno sfortunato incidente.

È stato il mio compagno di cordata Simone Moro a darmi alla radio le due importanti notizie della giornata mentre cercavamo di spostarci un po’ più in là del campo 1. “Alex, Mingote ha avuto un incidente e lo aiuteremo come possiamo. Non sembra cosa da poco”. Sono rimasto congelato. Ha poi aggiunto: “La squadra nepalese è riuscita a raggiungere la vetta del K2”. Due notizie contrastanti che hanno indubbiamente cambiato completamente il mio umore. Da un lato era morto un brav’uomo e, dall’altro, un popolo come i nepalesi aveva compiuto un’impresa importante di cui ero molto felice. Una sensazione agrodolce ha invaso il mio corpo.

Il passo successivo mi era chiaro: per rispetto a Mingote, dovevamo scendere al campo base. Era il mio modo di piangerlo. Per mostrargli la mia considerazione. All’inizio non è stata una decisione condivisa da tutti, ma è stata ferma e molto determinata. Era qualcosa che si doveva fare. Per essere rispettato, devi imparare a rispettare. Così l’ho fatto. Riposa in pace, amico.

Infine, le mie sincere congratulazioni alla squadra nepalese. Hip hip urrà! Non sapete quanto sono felice per loro. Per decenni hanno aiutato persone come noi a conquistare i nostri sogni e questa settimana sono stati loro ad aver realizzato i loro, entrando nella storia dalla porta principale. Ho letto con stupore le critiche di alcuni puristi. Come possiamo criticare il fatto che alcuni usino ossigeno? Non è abbastanza duro e onesto salire sul K2 nel cuore dell’inverno? Cos’altro deve essere fatto per far accettare alle persone che ciò che hanno fatto non è stato realizzato da nessuno in tutta la storia?

Non condivido affatto queste critiche. Dopo aver passato tanto tempo all’ombra di spedizioni come la nostra, sono stati protagonisti della loro stessa storia, portando in alto la bandiera nepalese. Quindi, congratulazioni! Avete un merito enorme. Peccato che questa notizia abbia coinciso con quella della morte di Sergi Mingote. La montagna è così. È capace di darti e portarti via tutto. Questo è parte di essa. E lo riconosciamo.