Finalmente siamo al campo base del Manaslu. Non è stato affatto facile, davvero. Dopo aver lasciato Bilbao a capodanno, abbiamo messo piede sulle terre nepalesi il primo gennaio. Non senza dover prima superare diverse procedure burocratiche in aeroporto, una quarantena di quattro giorni senza lasciare l’hotel a Kathmandu, che è stata lunghissima, e covid test che l’intera squadra ha dovuto superare. Per darvi un’idea di quanto tutto sia stato complicato, il mio amico e compagno di cordata, l’italiano Simone Moro, ha perso il suo volo in Italia a causa delle rigide pratiche burocratiche a cui era stato sottoposto. Ma ora è andata.

La prima tappa è finita e questa bellissima montagna ci ha accolto a braccia aperte! Una volta completate le procedure indicate dalle autorità locali, abbiamo dovuto riorganizzare per l’ennesima volta tutti i nostri carichi e l’itinerario, poiché la durata della quarantena che ci hanno fatto fare ha sconvolto tutti i nostri piani. Nel nostro hotel a Kathmandu abbiamo tenuto una riunione di emergenza e abbiamo riorganizzato tutto in modo che il viaggio fosse il più breve possibile. A causa di questo cambiamento abbiamo dovuto sacrificare una questione fondamentale in questo tipo di spedizione: l’acclimatazione in altitudine.

Abbiamo soppesato la durata del trekking e l’adattamento all’altitudine e siamo stati costretti, in una certa misura a causa del bel tempo annunciato e della voglia di partire, ad accorciare il viaggio. Non è stata una decisione facile, poiché sebbene io sia un alpinista professionista, sono accompagnato da una squadra in cui alcuni componenti non sono abituati a questo tipo di avventura. Ma penso che la decisione sia stata quella giusta e sono molto orgoglioso di tutti loro, perché hanno risposto meravigliosamente. Grazie mille davvero, e congratulazioni!

Un’altra decisione importante è stata quella di portare i carichi a Samagaon, l’ultima città prima di raggiungere il campo base, invece di trasportarli direttamente in elicottero. E il motivo è molto semplice: questa regione, che vive in gran parte di turismo e spedizioni, sta soffrendo molto a causa della pandemia generata dal COVID-19. E  secondo quanto ci hanno detto diverse persone, siamo stati gli unici stranieri nella zona negli ultimi mesi. La nostra idea era di dare lavoro alle persone, portare carichi e attrezzature da Samagaon al campo base, perché le persone come me gli devono molto.

Sono consapevole che questo non è altro che un gesto, che non risolverà il problema di fondo, ma credo che se puoi aiutare con qualcosa in questa vita, hai l’obbligo morale di farlo. Sapevo cosa avremmo trovato prima del nostro arrivo ed è stato il nostro modo umile di contribuire. Questo gesto è  per loro.

Con tutta l’attrezzatura caricata sugli elicotteri, iniziò il nostro viaggio verso il campo base. Ci attendeva un lungo viaggio in autobus e su veicoli 4×4 fino a raggiungere Machhakholagaon, la porta di accesso ad un trekking che ci avrebbe richiesto circa una settimana. Dopo aver passato la notte in questa città ci siamo infilati lo zaino in spalla e abbiamo iniziato a camminare. Un viaggio che ci ha portato attraverso città come Dohan, Bihim, Philim o Namrung, accumulando più di 3.500 metri di dislivello.

La verità è che mi ricordavo molto bene di questo trekking ma non ha smesso di sorprendermi. Anche il meteo è stato dalla nostra parte e l’atmosfera è stata imbattibile. Un tour che consiglio a tutti, con panorami spettacolari. Certo, ancora una volta la dura realtà ci ha fatto vedere quanto stiano soffrendo queste persone. Ad esempio, Lakpa, del “Lodge Thakli”, mi ha detto che da marzo siamo il secondo gruppo di occidentali ad essere visto da queste parti, e questo è devastante per una regione che vive di persone come noi. Me ne ha parlato con un sorriso stampato in faccia, ma non poteva nascondere la sua preoccupazione. È curioso vedere come queste persone non perdano mai il buonumore e la felicità. Almeno è quello che sembra.

La preoccupazione se la porterà dentro, immagino. Contagiati dal suo atteggiamento imbattibile nei confronti della vita, abbiamo proseguito il nostro cammino tra risate e aneddoti. Penso che ci siamo trovati molto bene e per me questo è fondamentale. Verranno giorni più complicati e conoscersi in anticipo è molto importante a questo proposito. Ognuno contribuisce con il suo e mi piace guardare il gruppo che cammina verso il gigante che ci aspetta. Abbiamo raggiunto il campo base e abbiamo tanto lavoro da fare, ma essere qui, con una situazione complicata come quella attuale, è già una ricompensa. Come anche vedere il gruppo sorridere e la gente del posto gioire di vederci.

Il Manaslu ci guarda dall’alto e non lo perderemo di vista finché non dovremo ripartire per Bilbao. Speriamo con lo stesso sorriso che portiamo dall’inizio dell’avventura. Sono sicuro di si.